Competenze Distintive

La danza contemporanea guarda al digitale come a una frontiera da esplorare…un nuovo Paese da abitare
Armando Menicacci

Asphyxia: danza e mondo virtuale

Arte digitale e movimento corporeo oggi convivono in armonia, come hanno dimostrato la produttrice musicale Maria Takeuchi e il graphic designer Frederico Phillips che, animati dal “desiderio di essere espressivi senza limiti”, hanno ideato il progetto Asphyxia.

I movimenti del corpo umano sono fedelmente riprodotti grazie all’avanzata tecnologia Motion Capture: i movimenti del ballerino sono codificati mediante il sensore cinetico Kinect One, originariamente creato per giocare all’Xbox One utilizzando il proprio corpo come controller. I movimenti catturati sono poi sviluppati con tecniche di simulazione dinamica e dispositivi 3D: il risultato è un reticolo di pixel all’interno di un ambiente virtuale. Questa straordinaria combinazione di cinema sperimentale, danza, software 3D e musica elettronica vuole comunicare l’esigenza di muoversi senza costrizioni: la tecnologia svincola la danza dalla realtà fisica e la trasforma in un universo digitale, dove i confini del corpo sono annullati e la materia è puro movimento.

Come scrive Armando Menicacci in “La scena digitale. Nuovi Media per la danza”, “la danza contemporanea guarda al digitale come a una frontiera da esplorare…un nuovo Paese da abitare”.

Sito
Gallery

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie di prime e terze parti per offrire un’esperienza di navigazione ottimale e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questa informativa e continuando la tua navigazione acconsenti all’uso dei cookie attualmente abilitati. Se lo desideri, puoi cambiare le tue preferenze o leggere la nostra Cookie Policy

Chiudi